versione BETA 2.5.8
Il medico risponde...
buongiorno , ho fatto le analisi del sangue e delle urine e i valori sono quasi tutti nella norma. ho basso tasso d'emoglobina ma per me e' un fattore genetico ereditato da mia madre , quindi fin qui tutto ok. non capisco invece una cosa, ho un valore dei leucociti pari a 3,8 (4/10) ma la formula leucocitaria e' ok : neutrofili 57,5 (40/75) - eosinofili 2,5 (0/6) - basofili 0,6 (0-1,5) - linfociti 32,6 (19/48) - monociti 6,8 (1/10) , da cosa puo' dipendere? devo preoccuparmi? premetto che sono un tipo che fa molto sport e che nel periodo delle analisi prendevo medicine e fermenti lattici per curare un disturbo di digestione/feci molli che oggi e' passato del tutto o quasi. Grazie Saluti

L'aumento dei leucociti è di solito sinonimo di uno stato infettivo anche banale, giustificabile nel suo caso, vista la sua descrizione, con una banale enterite anche se indotta da farmaci.
Faccia comunque consultare l'esito delle sue analisi al suo...    leggi tutto


















Il tuo spazio in Evidenza?    Scopri come!
La Giornata Mondiale della Vista si celebra ogni anno ed è organizzata dall'Agenzia Internazionale per la Prevenzione della Cecità-IAPB Italia onlus in accordo all'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), sotto l'Alto Patronato del Presidente della Repubblica.
Quest'anno la giornata è dedicata a...    leggi tutto
Le smagliature sono probabilmente l'inestetismo più temuto dalle donne in gravidanza. La loro comparsa è più frequente al 6°-8° mese ed è dovuta a cause ormonali e a fattori meccanici, come il rapido aumento di volume. Nella maggior parte dei casi, una volta comparse le smagliature si possono solo a...    leggi tutto
In California, e precisamente a Tustin, recentemente si è svolta una nuova ricerca i cui risultati sono stati pubblicati da poco e che riguarda gli effetti del consumo di cannella da parte di persone affette dal diabete di tipo 2. La ricerca ha mostrato che le persone che fanno uso di cannella o di ...    leggi tutto
Le diete ricche di antiossidanti, cioè ricche di frutta e verdura abbassano le probabilità di infarto nelle donne secondo uno studio svoltosi di recente in Svezia.
Gli antiossidanti agiscono sui radicali liberi, meccanismi di danneggiamento cellulare che portano ad infiammazione ed ingrossamento d...    leggi tutto