versione BETA 2.5.8
Il medico risponde...
Buongiorno, le scrivo per mia mamma che addesso ha 90 anni. Nel 1998 in seguito ad una caduta e ad un ematoma subdurale cronico bilaterale ha subito 2 interventi di craniotomia con successo. A parte un episodio epilettico a seguito dell' intervento poi è sempre stata bene e tuttora sta bene. Mia mamma ha però una preoccupazione che non la lascia tranquilla e la tormenta: nei 2 punti sul cranio dove è stata praticata la craniotomia si sono formate 2 fossette. Ebbene, dal 1998 ad oggi queste fossette sono aumentate notevolmente, si sono allargate. Mia mamma non ha disturbi neurologici, è solo molto preoccupata per il fatto che queste fossette si siano cos' allargate. E' normale ? O dobbiamo preoccuparci ? Grazie Saluti Alberto Delpiano

Mi sembra evidente considerata l'età della paziente sia all'atto degli interventi per trauma che di oggi, lo stato dell'osso è sensibilmente deteriorato nella sua rigenerazione, compreso quella della cute soprastante il piano osseo.
Per dirimere og...    leggi tutto


















Il tuo spazio in Evidenza?    Scopri come!
La Giornata Mondiale della Vista si celebra ogni anno ed è organizzata dall'Agenzia Internazionale per la Prevenzione della Cecità-IAPB Italia onlus in accordo all'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), sotto l'Alto Patronato del Presidente della Repubblica.
Quest'anno la giornata è dedicata a...    leggi tutto
Le smagliature sono probabilmente l'inestetismo più temuto dalle donne in gravidanza. La loro comparsa è più frequente al 6°-8° mese ed è dovuta a cause ormonali e a fattori meccanici, come il rapido aumento di volume. Nella maggior parte dei casi, una volta comparse le smagliature si possono solo a...    leggi tutto
In California, e precisamente a Tustin, recentemente si è svolta una nuova ricerca i cui risultati sono stati pubblicati da poco e che riguarda gli effetti del consumo di cannella da parte di persone affette dal diabete di tipo 2. La ricerca ha mostrato che le persone che fanno uso di cannella o di ...    leggi tutto
Le diete ricche di antiossidanti, cioè ricche di frutta e verdura abbassano le probabilità di infarto nelle donne secondo uno studio svoltosi di recente in Svezia.
Gli antiossidanti agiscono sui radicali liberi, meccanismi di danneggiamento cellulare che portano ad infiammazione ed ingrossamento d...    leggi tutto